Seleziona una pagina
Come-fare-delle-riprese-perfette-1 Come fare delle riprese perfette: 5 consigli pratici!

In questo articolo cercherò di aiutarti in questa ardua impresa: come fare delle riprese perfette e portare a casa del buon materiale video!

 

1. Come iniziare un buon video: posizionare la videocamera

A differenza del teatro, dove lo spettatore vive la storia guardando direttamente ciò che avviene, nel cinema tutto è filtrato dallo sguardo della macchina da presa. 

Quando giriamo una scena, tra le infinite possibilità, scegliamo un particolare punto dove piazzare la camera. Quel particolare punto non è mai casuale (o almeno non dovrebbe esserlo!). C’è una motivazione che ci spinge a piazzarci in un determinato punto piuttosto che in un altro.

Possiamo fare un totale, un dettaglio, una soggettiva…

Ma quando e perchè scegliere un’inquadratura piuttosto che un’altra?

Così come quando si scatta una foto si cerca la migliore posizione/altezza/angolatura della macchina fotografica, la stessa cosa deve avvenire quando si vuole riprendere una scena. 

Quello che raccontiamo dipende da ciò che decidiamo di includere o di escludere dall’inquadratura. Un video amatoriale si riconosce spesso proprio dalla scelta delle inquadrature e dalla relazione che esse hanno tra di loro.

Chiediamoci sempre il perchè facciamo determinate scelte. Perchè scegliamo un’inquadratura piuttosto che un’altra?

Ogni volta che io mi trovo a girare un video di matrimonio cerco di valutare la posizione della camera in relazione a cosa voglio raccontare.

Per es. se voglio contestualizzare una scena in un determinato posto, sceglierò alcune riprese “larghe”, dei totali che raccontino il luogo dove l’evento sta avvenendo.

Se invece voglio sottolineare un’emozione farò delle inquadrature “strette”, avvicinandomi al soggetto e rimanendo ad altezza dei suoi occhi. Questo enfatizzerà l’emozione del personaggio e permetterà allo spettatore di partecipare meglio alla storia.

Questa scelta è importante perchè definisce il punto di vista, definisce lo sguardo attraverso il quale voglio mostrare il mio racconto.

Per approfondire l’aspetto dello “sguardo” nel cinema ti segnalo questo saggio di Sandro Bernardi, dove viene affrontata con chiarezza la relazione tra punto di vista e sguardo nel cinema.

Se invece vuoi imparare come realizzare delle belle inquadrature nei tuoi video dai un’occhiata al mio corso sulle tecniche di ripresa. Ti darò delle solide basi per realizzare dei video professionali!

 
posizionare-la-camera-1 Come fare delle riprese perfette: 5 consigli pratici!

2. Fare un video professionale: un’architettura visiva

Belle inquadrature o inquadrature efficaci?

Trovo molto interessante riflettere su questo argomento, poichè avere maggiore coscienza di ciò che facciamo in fase di ripresa ci aiuterà tantissimo in fase di montaggio.

Non è solo la perfezione estetica di un’inquadratua ciò che dobbiamo ricercare, piuttosto la sua funzione narrativa. Essa infatti esprime il punto di vista attraverso il quale raccontiamo la storia. Pensiamo dunque a come l’insieme delle inquadrature può o meno facilitare la comprensione del nostro racconto.

La ripresa infatti, deve essere pensata il più possibile in funzione del montaggio, soprattutto se saremo noi i montatori di ciò che giriamo.

Una possibile trappola per molti videomaker non ancora esperti è quella di girare un’insieme di belle inquardature, una dopo l’altra, senza riflettere veramente su cosa mi racconta ognuna di esse. La si fa solo perchè esteticamente bella.

Un puzzle è fatto di tanti pezzetti, ma non tutti hanno la stessa “bellezza”, alcuni possono essere di contorno, poco attraenti, ma sono necessari per completare l’opera.

Allo stesso modo dobbiamo pensare alle inquadrature, devono essere una in funzione dell’altra.

Vuoi imparare a girare delle inquadrature che “raccontino” oltre ad essere “belle”?

Visita questa pagina dove potrai imparare le tecniche di ripresa, ti assicuro che in breve tempo la qualità dei tuoi video farà un balzo in avanti notevole!

  

 

 
camera-fissa Come fare delle riprese perfette: 5 consigli pratici!

3. Girare il video: macchina fissa o in movimento?

 

Una domanda fondamentale è se tenere la camera fissa o muoverla.

Non è semplice rispondere a questa domanda, tutto dipende da come noi sappiamo usare i nostri mezzi e da quale informazione/emozione vogliamo trasmettere al nostro pubblico.

Personalmente ritengo che avere la camera fissa mi permetta di curare meglio la composizione, ho più tempo per decidere cosa voglio includere e cosa voglio escludere dall’inquadratura.

Inoltre, così facendo, do maggiore importanza al movimento che avviene dentro l’inquadratura, escludendo possibili problemi che possono verificarsi muovendo la camera.

I movimenti di camera però, quando ben fatti e motivati, aggiungono una dinamica ed un’energia alle riprese che le inquadrature fisse non hanno.

Muovere la macchina funziona molto bene per esempio in situazioni in cui i soggetti si muovono, o quando ci sono degli avvicinamenti o allontanamenti che enfatizzano un particolare momento di una scena.

Nel cinema si usano i carrelli, le steadicam, i crane, i droni ecc. 

Nel video di matrimonio abbiamo degli ottimi “attrezzi” che ci permettono di realizzare dei movimenti fluidi. Per esempio io utilizzo un gimbal leggero e portatile. Esso mi permette di dare alle inquadrature la giusta dose di dinamicità senza impiegare strumentazione troppo ingombrante, invasiva e difficile da manovrare.

E’ buona norma pianificare in anticipo quali scene verranno fatte con camera in movimento. Il rischio infatti è di essere vincolati al nostro attrezzo senza poter decidere con cura la composizione delle nostre inquadrature.

Ricordiamoci che un matrimonio è un evento live ed è difficile (se non impossibile) sapere come si muoveranno i nostri soggetti.

 

 

 
registrazione-sonora Come fare delle riprese perfette: 5 consigli pratici!

4. Il sonoro: microfoni e reflex

 

In questo punto voglio spendere due parole sul sonoro.

E’ fondamentale, ripeto, fondamentale, avere delle buone riprese audio. Il sonoro infatti è ciò che conduce il racconto, è la struttura che regge la parte visiva.

Tornare a casa con delle bellissime riprese e un audio mediocre renderà tutto il nostro lavoro mediocre.

A volte il microfono della camera basta a portare a casa un audio decente, ma spesso è necessario usare dei registratori esterni. E’ fondamentale posizionarli nei punti “critici” e opportunamente settarli per catturare al meglio i suoni “in presa diretta”.

Prestiamo massima importanza perciò all’audio, usando dei microfoni e dei registratori opportuni che possano facilitarci nel racconto della storia.

A tal riguardo ti rimando a questo articolo dove si parla di microfoni e diagrammi polari.

Se invece vuoi imparare qualcosa di più concreto sull’argomento ti invito a dare un’occhiata qui.  

 

 

 
man-at-cinema Come fare delle riprese perfette: 5 consigli pratici!

5. Buone idee per un buon video

 

Una cosa che è utile fare per imparare a fare delle buone riprese è quella di guardare con occhio critico quello che facco i registi nel cinema.

Un esercizio che possiamo fare è quello di scomporre una scena in varie inquadrature e poi, lentamente, riguardarla, cercando di capire dove e perchè viene decisa la posizione della macchina da presa.

Quando viene scelto il campo-contro campo? A che altezza viene posizionata la camera?

In quali momenti vi sono i primi piani e in quali invece i totali?

La composizione cosa mi rivela? Cosa mi nasconde?

Tutte domande utilissime a conoscere sempre più il linguaggio del cinema.

Se vuoi un aiuto nelle risposte contattami, ti saprò guidare nel capire il perchè della maggior parte delle scelte.

 

DO Wedding Films è un studio di videomakers di matrimonio a Roma, specializzato nella realizzazione di video di nozze con uno stile autoriale, semplice ed elegante allo stesso tempo.